Contenuto Principale
Allenare l'ordine o la confusione? PDF Stampa E-mail

Claudio Bianchera - Preparatore Coordinativo Mantova Calcio

 

Rispettare il disordine.

Quante volte in uno dei nostri allenamenti richiamiamo all’ordine i nostri piccoli giocatori? Tutti noi cerchiamo in un allenamento di calcio di mantenere più ordine possibile. Ordine sonoro dicendo di non urlare, non fare mille domande contemporaneamente, di non litigare; ordine visivo dicendo di fare restare bene in fila, di fare un bel cerchio, di fare un bel gesto tecnico; ordine etico ordinando di non spingere, non superare, non prendere in giro, non rispondere al mister, non arrabbiarsi, non ridere; ordine tattico dicendo di non andare tutti sulla palla, di passarla, di non scartare tutti, di andare nello spazio (e qui andare in visita degli altri Pianeti del sistema solare..). La maggior parte delle nostre forze fisiche, emotive ed intellettive vengono spese per dare un ordine all’allenamento e mantenerlo per tutta la sua durata.

Due ora sono le domande: 1) di quanto ordine necessita un allenamento per essere allenante 2) come ottenerlo.

Inevitabilmente le risposte variano in base alla fascia d’età del bambino che andiamo ad allenare ed in base alle competenze tecniche e intelligenza emotiva del mister.

  1. Allenare i grandi vuol dire allenare l’ordine. Ordine tattico, rispetto per il mister ed i compagni, rigorosità nell’allenarsi, impegno e serietà. Il mondo degli adulti è un mondo ordinato e razionale, così gli allenamenti che devono essere svolti devono seguire queste caratteristiche.

Quando un adulto è concentrato nella partita o nell’allenamento è preciso nell’appoggio a terra, ha il giusto tempo di intervento nell’azione, è tatticamente ordinato.

Allenare i bambini e in particolare i piccoli è tutto un altro discorso. Ordine tattico(non te la passo), rispetto del mister(che naso grosso che hai) e dei compagni (ruba il posto al compagno),rigorosità nell’allenarsi(pestare i vermi quando piove, scavare per cercarli quando non piove), impegno(divertirsi) e serietà (piangere e ridere). Il mondo dei bambini è fatto di prese in giro,trucchi, bugie, cose buffe che accadono, cose buffe che si dicono, riuscire a fare qualcosa che prima non si riusciva, fare le cose che piacciono, litigare.

Per noi mister, uomini razionali, abituati ormai da tempo a “soffri e coglierai i frutti” oppure a “cosa ridi, devi portare rispetto” il modo di vivere un allenamento di un bambino potrebbe essere visto come una delle cose più irritanti al mondo. Fanno tutto il contrario di quello che siamo abituati ad essere. Ma è il loro modo di essere a cui il mister è libero di reagire con più o meno rigidità chiedendo più o meno ordine.

Ma dobbiamo essere coscienti che questo piccolo giocatore che abbiamo di fronte è un essere umano che si sta scoprendo e che si sta costruendo un immagine di sé. Il bambino ha bisogno di confrontarsi a suo modo con chi gli sta attorno, ha bisogno di conciliare quello che ha dentro con quello che esiste fuori. Come fa? Litigando, scontrandosi, abbracciando, ripetendo le parole che sente buffe all’infinito, sfidando gli altri bambini, urlando Tutto questo è disordine ma segue un ordine rigoroso naturale che sta ben oltre il semplice ordine della fila. In questo “disordine” il bambino scopre se stesso, percepisce se come unità diversa dagli altri, e può iniziare a strutturarsi nell’autonomia di scelta, quello che noi dovremmo pretendere dai nostri futuri giocatori .

  1. Ovviamente questo non sott’intende anarchia. Il “disordine” e non è una confusa autogestione del bimbo che porterebbe a pericoli ed ingiustizie. Ci sono regole etiche e sociali che devono accompagnare il bimbo lungo tutto il suo percorso di scuola calcio. Per la presentazione e l’esecuzione dei giochi, la modifica con varianti, alcuni interventi tecnici è fondamentale raggiungere l’ordine. Come raggiungerlo?

A cercare l’attenzione urlando con autorità, quindi “ordinando”

B cercare l’attenzione alzando al voce modulandola con toni particolari

C cercare l’attenzione facendo domande ai bambini

D cercare l’attenzione con parole strane

E cercare l’attenzione facendo vedere la proposta di gioco ai bambini

F cercare l’attenzione……..

L’ordine che chiediamo è ricerca di attenzione. Con gli adulti l’attenzione si crea trasmettendo interesse che nasce se l’adulto fa qualcosa che sa gli servirà per la prestazione futura.

Anche per i piccoli l’attenzione si crea trasmettendo interresse ma che nasce dal piacere di fare il gioco…di adesso.

 
Ricerca / Colonna destra

Iscriviti per ricevere info aggiornate







"Prima del risultato 2012" Presentazione

Utenti online

 14 visitatori online

Registrati



Convegno 2009

Convegno 2010 - Pulcini

Convegno 2010 - Pulcini

Convegno 2011 - Pulcini